wapt image 1461 Sii il puzzle completo! Come risolvere il puzzle della leadership
Redazionali

Sii il puzzle completo! Come risolvere il puzzle della leadership

“Non esiste un leader perfetto, né nel passato né nel presente, in Cina o altrove. Se ce n’è uno, sta solo fingendo, come un maiale che si inverte i cipollotti nel naso nel tentativo di sembrare un elefante “.

– Liu Shao-Chi

Può essere vero che non esiste il leader perfetto: i leader sono umani, dopotutto. Tuttavia, ciò non significa che le persone che ricoprono posizioni di leadership non dovrebbero cercare continuamente di migliorare le proprie capacità di leadership.

Alcuni manager difficilmente danno l’esempio agli altri. Possono avere un badge sulla porta del loro ufficio o in generale che li pronuncia “Capo del servizio”; “Area Manager”; o “Supervisore dell’unità”, ma questi “possessori di badge” mostrano tutte le qualità necessarie per ispirare gli altri a seguirli? È improbabile che le persone vengano promosse a posizioni di alto livello senza capacità di leadership, ma potrebbero mancare di una o più di quelle essenziali.

Per misurare le capacità di leadership dei manager dobbiamo identificare quali sono le qualità essenziali di un leader efficace. A mio avviso sono sei in numero:

* Un Leader è un visionario

* Un Leader dà l’esempio

* Un leader capisce cosa motiva ogni membro del team

* Un leader costruisce relazioni di supporto

* Un leader consente agli altri di raggiungere il proprio potenziale

* Un leader comprende il potere delle comunicazioni

Questi sono i sei componenti su cui ogni leader deve lavorare duramente per applicare continuamente e coerentemente e, soprattutto, dimostrare in tutto ciò che fa. Pensalo come un puzzle: The Leadership Jigsaw®

A meno che non siano stati posizionati tutti e sei i pezzi, il leader non raggiungerà il suo potenziale, né coloro che cercano di seguire il loro leader. Nessuno che aspira a guidare una squadra ad alte prestazioni può farlo se è “un pezzo meno di un puzzle”! Consideriamo ogni pezzo un po ‘più in dettaglio.

VISIONE. La leadership implica portare le persone in un viaggio, ma se le persone vogliono seguirlo non deve essere un viaggio verso l’ignoto. Tali destinazioni potrebbero funzionare per il capitano Kirk della Starship Enterprise ma non funzioneranno per i leader moderni con i piedi ben saldi sulla terraferma! Una persona che detiene una posizione di leadership senza una visione chiara, o la capacità di comunicarne una in modo efficace, andrà nell’oscurità (probabilmente da sola!).

La creazione di una visione deve, per sua stessa natura, essere uno dei ruoli principali di un leader, poiché stabilisce un tema positivo per il futuro. La visione di un leader – alla quale lui o lei si associa personalmente – dovrebbe attrarre le persone a livello emotivo, oltre che pratico. Dovrebbe essere significativo, pertinente e stimolante: incoraggiare le persone ad accettarlo volentieri. Quando i leader esprimono la loro visione in un modo che tocca i loro seguaci, invitano a un forte impegno: uno scopo comune che focalizza le persone su un obiettivo condiviso e reciprocamente vantaggioso.

“Un leader dà forma e condivide una visione che valorizza il lavoro degli altri” – Charles Handy

ESEMPIO. Una delle qualità più importanti ed efficaci che i leader possono dimostrare è collegare in modo coerente e visibile i valori che rappresentano con le loro azioni quotidiane. In effetti, coerenza e visibilità sono le chiavi. Le persone rispettano e seguono i leader il cui comportamento rispecchia le loro parole; non hanno rispetto per i leader che dicono una cosa e ne fanno un’altra. “Fai come dico, non come faccio” semplicemente non è abbastanza buono.

I leader dovrebbero, quindi, guardarsi allo specchio e considerare ciò che vedono. Dovrebbero chiedersi: “Conduco in modo tale da seguire volentieri me stesso? Dimostro costantemente qualità di leadership che riconoscerei nei leader che io stesso rispetto?” Puoi essere sicuro di una cosa: potresti non valutare continuamente le tue prestazioni come leader, ma i tuoi follower lo saranno! Guarderanno ogni tua mossa e prenderanno un comando da te.

I leader si comportano come se tutti stessero guardando, anche quando nessuno sta guardando “- Brian Tracy

MOTIVAZIONE. Avere una visione è una cosa: venderla in un modo che gli altri vogliono realizzare è un’altra. Il ruolo del leader è concentrare le energie dei seguaci su obiettivi condivisi e incoraggiarli a raggiungere tali obiettivi. Eppure ognuno è diverso e risponde a stimoli diversi. I leader veramente grandi capiscono i loro seguaci: capiscono i loro bisogni, i loro sogni, le loro paure, le loro emozioni – ciò che “li fa scattare”. È una comprensione dell’impatto delle diverse esigenze su persone diverse che è vitale per una leadership efficace.

Uno dei più grandi motivatori è credere che stai contribuendo al successo del tuo team e, quindi, al successo della visione generale. Le persone devono credere di fare la loro parte e i leader di successo si assicurano di ricevere il riconoscimento che i loro sforzi meritano. Nella mia esperienza di lavoro con dirigenti junior in tutto il paese, la convinzione che non siano apprezzati per i loro sforzi è uno dei demotivatori più comunemente riscontrati.

“La leadership è l’arte di convincere qualcun altro a fare qualcosa che vuoi che sia fatto perché lui vuole farlo” – Dwight D Eisenhower

RELAZIONE. È assiomatico che un leader abbia bisogno di seguaci: un team di persone che lavorano insieme per un obiettivo comune. Per essere efficace, un team che lavora in un’organizzazione richiede relazioni di supporto non solo tra leader e follower, ma tra i follower stessi. Una cultura della fiducia deve esistere tra tutti i membri, a tutti i livelli, con il leader che fornisce a tutti il ​​fulgido esempio da seguire.

Nonostante i cambiamenti fondamentali imposti alle organizzazioni negli ultimi anni (ridimensionamento e budget delegati per esempio) alcuni dipartimenti sono ancora guidati da “badge-holder” che si occupano di interferire nel lavoro dei loro subordinati; non sono disposti a condividere le informazioni; e insistere nel sanzionare ogni decisione. Tuttavia, se la sfida del leader moderno è quella di fare un uso ottimale di meno risorse (e lo è!), Ciò accadrà solo se le persone sono incoraggiate a partecipare in un ambiente aperto e positivo basato su relazioni di sostegno reciproco. La “gestione dei funghi” deve essere sostituita da una cultura in cui tutti siano pronti a dare e ricevere fiducia.

“Tutta la tua forza è nella tua unione.

Tutto il tuo pericolo è in discordia “- Henry Longfellow, The Song of Hiawatha

POTENZIAMENTO. I leader illuminati comprendono che la maggior parte delle persone desidera naturalmente migliorare se stessa e, dato il supporto e l’incoraggiamento appropriati, coglieranno l’opportunità di acquisire nuove abilità e conoscenze. Capiscono inoltre che la chiave per ottenere il meglio dalle persone è dare loro la responsabilità delle proprie azioni, piuttosto che creare un ambiente di controllo e sfiducia.

Tali leader sono disposti a delegare aspetti del loro ruolo ai loro subordinati quando la situazione lo consente e, inoltre, sono pronti a conferire loro il potere di prendere decisioni da soli, entro parametri, senza ricorrere a un’autorità superiore.

L’empowerment si basa sulla convinzione che, data l’opportunità, le persone sono preordinate a pensare da sole e genereranno idee a vantaggio del loro posto di lavoro, della loro organizzazione e, quindi, per estensione, di se stesse. L’esecuzione degli ordini produce roboticamente robot consentire l’invenzione e l’ispirazione produce idee e orgoglio per i risultati individuali e di squadra.

“Tratta le persone come se fossero ciò che dovrebbero essere e le aiuterai a diventare ciò che sono capaci di essere” – Goethe

COMUNICAZIONE. Mentre tutti coloro che detengono il distintivo di leadership, senza eccezioni, predicavano l’importanza di comunicazioni efficaci, non tutti mettono in pratica ciò che predicano. Ma, ancora una volta, è il leader che dovrebbe aprire la strada con il suo esempio.

Le comunicazioni produttive si basano sulla comprensione tra tutte le parti. Un leader che è pronto a uscire e “fare il discorso” sarà in una posizione di gran lunga migliore sia per rafforzare la visione, sia per ascoltare come viene accolta, rispetto a uno che rimane legato alla scrivania. Ci sono poche azioni motivanti più potenti che un leader può intraprendere che sforzarsi di parlare con i lavoratori in prima linea e chiedere “come stanno andando le cose?”, E sul serio!

Viviamo nell’era della comunicazione. Eppure, con i poteri precedentemente inimmaginabili ora a portata di mano arrivano pericoli intrinseci. La comunicazione non riguarda solo il “cosa”, ma altrettanto importante è il “come”. I leader saggi bilanciano l’efficienza della tecnologia con l’impatto del tocco umano. Sono ben consapevoli di non poter stringere una mano, dare una pacca sulla spalla o persino sorridere via e-mail!

“Un leader è qualcuno che sa cosa vuole ottenere e come comunicarlo” – Margaret Thatcher

IL MESSAGGIO? Il messaggio è che i veri leader devono essere competenti in un’ampia gamma di abilità essenziali che possono essere rappresentate da The Leadership Jigsaw. Coloro che detengono posizioni di leadership dovrebbero misurarsi con questo modello di eccellenza per assicurarsi di non essere “un pezzo a corto di un puzzle”.

Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *