wapt image 1227 Le 5 migliori pratiche di gestione del tempo
Redazionali

Le 5 migliori pratiche di gestione del tempo

Le prime cinque pratiche di gestione del tempo sono spesso considerate le migliori tecniche da coloro che le utilizzano e più consigliate dagli esperti. Controlla le cinque azioni suggerite di seguito per creare un sistema di gestione del tempo che si adatti al meglio alle esigenze personali.

1. Creare un elenco giornaliero di “cose ​​da fare”. Questo è sempre il suggerimento numero uno di esperti di gestione del tempo, leader aziendali e altri che sono bravi a gestire il proprio tempo. Avere un elenco di attività necessarie e da svolgere concentra i pensieri sul lavoro in modo che nulla di importante venga trascurato. Consente al creatore di elenchi l’opportunità di pianificare la propria giornata. Tenere l’elenco sempre a portata di mano semplifica l’aggiunta di nuovi elementi man mano che vengono visualizzati e il check-off degli elementi completati. La revisione delle attività spuntate può aiutare a motivare l’utente a continuare a completare le attività e a provare un grande senso di realizzazione alla fine della giornata.

2. Annotare gli appuntamenti. L’annotazione è un altro assioma degli esperti di gestione del tempo, non solo per l’elenco “cose ​​da fare” ma anche per il calendario degli appuntamenti. Scrivere appuntamenti su un calendario quando vengono presi libera la mente per altre cose creative. Aiuta anche a evitare di dimenticare la riunione o l’appuntamento in futuro. Dovrebbe diventare una pratica regolare rivedere il calendario all’inizio di ogni giorno per assicurarsi che non manchi nulla. Nel controllare gli appuntamenti, si può decidere di partecipare, inviare un sostituto o provare a riprogrammare se necessario.

3. Determinare le priorità di lavoro. Determinare quale lavoro è importante fare ogni giorno e cosa può essere rimandato a un altro momento è un’altra chiave per una migliore gestione del tempo. Un compito o un appuntamento ad alta priorità si riferirebbe a un progetto importante, qualcosa che potrebbe portare a un progresso o una promessa dovuta a un altro. Le voci della lista con priorità bassa sono quelle che sono belle da fare ma non sono necessarie subito o potrebbe essere richiesta la partecipazione a una riunione in cui non è richiesto un contributo personale. La priorità media sarebbe attività di lavoro regolari o riunioni di gruppo standard.

4. Impostare gli allarmi. Coloro che scoprono di essere spesso in ritardo alle riunioni o dimenticano altri tipi di appuntamenti, scoprono che l’impostazione della sveglia su un orologio, un computer o un telefono funziona molto bene come promemoria. Impostare la sveglia almeno dieci minuti prima dell’orario di inizio dell’appuntamento in modo da raccogliere i dati necessari e consentire di raggiungere a piedi la sala riunioni. Se l’appuntamento non è nello stesso edificio, imposta l’allarme ulteriormente per tenere conto del tempo di viaggio. Alcune persone addirittura resettano l’allarme quando sono a una riunione per 10 minuti prima che la riunione finisca per assicurarsi il tempo appropriato per la conclusione della riunione e per uscire comunque in tempo.

5. Scomporre grandi progetti. Molte persone scoprono di procrastinare l’avvio di grandi progetti perché sembra troppo da fare o troppo difficile da realizzare. Per facilitare l’inizio di un progetto di grandi dimensioni, suddividilo in diverse sotto-attività. Quindi pianifica di aggiungere diverse sotto-attività negli elenchi giornalieri delle “cose ​​da fare” lavorando a ritroso dalla data di scadenza nell’ordine in cui le attività dovrebbero essere completate. In questo modo ogni sottoattività diventa parte del lavoro programmato e il progetto viene completato in tempo. Alcuni esperti si riferiscono a questo semplice processo di gestione del progetto come “il metodo del formaggio svizzero” poiché sta facendo buchi nel formaggio più grande (progetto) fino a quando tutto è finito (attività svolte).

Dai cinque suggerimenti precedenti, crea un sistema di gestione del tempo personale che si adatti alle esigenze individuali. Assicurati di prendere in considerazione queste cinque principali pratiche di gestione del tempo in futuro per migliorare le tecniche utilizzate e consigliare quelle ritenute efficaci agli altri.

Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *