wapt image 1319 La mentalità vincente per soluzioni creative sotto pressione
Redazionali

La mentalità vincente per soluzioni creative sotto pressione

Per quindici anni, parte del mio lavoro è stato quello di inventare idee creative, ogni settimana, sotto un’estrema pressione del tempo, con circa un milione di persone che guardavano.

Sono stato bravo.

Veramente buono.

Ma non sono stato bravo a proporre idee creative sotto pressione. Ho dovuto imparare.

Nel mio caso, le idee creative erano necessarie perché ero il produttore esecutivo di una commedia televisiva di successo. Nel tuo caso, le idee creative sono necessarie perché il risultato della tua situazione potrebbe dipendere da esse.

È vero, ci sono alcune situazioni di alta pressione che non richiedono creatività, in particolare quelle che implicano azioni fisiche ripetute. Tirare il tiro libero determinante per il gioco, ad esempio, non richiede molta creatività. È decisamente alta pressione, ma si ottiene più o meno meccanicamente.

Lo stesso vale per l’atterraggio di un aereo. Prendilo da me, un pilota privato. Ho fatto centinaia di atterraggi e, a parte i primi quando stavo solo imparando, sono praticamente routine. E sono ancora più abituali per un pilota di linea, che ha effettuato migliaia e migliaia di atterraggi. Non richiedono molta creatività.

Fino a quando qualcosa non va storto.

Il 19 luglio 1989, United Flight 232, in rotta da Denver a Chicago, ha perso tutti e tre i sistemi idraulici a 37.000 piedi sopra la terra. Ciò significa, in parole povere, che tutti i controlli di volo sono stati immediatamente resi inutili. Immagina se stavi guidando su un’autostrada e all’improvviso né il volante né i freni facessero nulla. Ora immagina di essere a sette miglia in aria, viaggiando a 500 miglia all’ora, con quasi 300 persone nella tua macchina.

Questa è pressione. E richiedeva creatività.

Insieme, l’equipaggio ha scoperto di poter manovrare l’aereo, anche se in modo grossolano, manipolando le manette sui motori multipli. Non era perfetto. L’ala destra ha raschiato la pista all’atterraggio e l’aereo ha preso fuoco. Quasi la metà delle persone a bordo è morta. Ma più della metà ha vissuto. Perché?

Perché l’equipaggio ha trovato una soluzione creativa, nel bel mezzo di una delle situazioni più pressanti che si possano immaginare.

Le tue situazioni di alta pressione potrebbero non essere così terribili, infatti, mi sento abbastanza sicuro nel prevedere che non lo saranno mai. Ma, a meno che tu non stia tirando quel tiro libero con la memoria muscolare meccanica, è probabile che richiedano lo stesso tipo di creatività.

Quindi ecco la mentalità chiave che devi avere in quella situazione: non escludere nulla.

“Questo è un discorso da pazzi, torniamo alla realtà!”

“Non ascolterò un’idea che viene da un umile stagista!”

“Non funzionerà, perché i motori non sono fatti per far girare l’aereo!”

Quando la pressione aumenta, importa quanto possa sembrare inverosimile l’idea o chi l’ha inventata?

Ovviamente no. Tutto ciò che conta, in quel momento, è un risultato positivo.

Quindi metti da parte il tuo ego. Ascolta tutte le idee.

Perché quell’idea che stai per escludere … potrebbe essere quella che ti salva la giornata.

Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *