wapt image 1138 ISO 22000: 2018 - Quali sono i cambiamenti chiave?
Certificazione iso 9001 | Redazionali

ISO 22000: 2018 – Quali sono i cambiamenti chiave?

ISO 22000: 2018, lo standard internazionale del sistema di gestione della sicurezza alimentare che specifica i requisiti per garantire una produzione sicura lungo l’intera catena alimentare, dalla fattoria alla tavola, è stato pubblicato dall’ISO il 19 giugno 2018
Per tutte le organizzazioni nei settori degli alimenti e dei mangimi, indipendentemente dalle loro dimensioni, dal settore o dalla posizione geografica, ISO 22000: 2018 è strutturata per fornire miglioramenti del processo e la sua progettazione offre un approccio di controllo e prevenzione della sicurezza alimentare.
Se stai già applicando ISO 22000: 2005, riconoscerai la maggior parte dei requisiti in ISO 22000: 2018. Tuttavia, ci sono alcune modifiche a ISO 22000: 2005 che è necessario preparare per la transizione e la conformità a ISO 22000: 2018.
Le 12 modifiche chiave secondo ISO 22000: 2018 sono:

  • La struttura di alto livello: affinché questo punto di riferimento sia più compatibile e facilmente adattabile per tutte le aziende, la nuova edizione della norma ISO 22000 sarà implementata sulla base di una struttura di alto livello (HLS) della stessa struttura rispetto a tutte le altre ISO . ISO 9001: 2015 standard. Ciò è utile per le organizzazioni che utilizzano più standard e cercano compatibilità tra loro.
  • Approccio basato sul rischio: la certificazione ISO 22000: 2018 si basa ora sulla gestione del rischio e include un approccio innovativo per tracciare ed escludere potenziali rischi.
  • Stretti legami con il Codex Alimentarius, un organo intergovernativo, nell’ambito del programma comune di norme alimentari istituito dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) e dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), al fine di proteggere la salute dei consumatori e garantire pratiche eque nel commercio alimentare. La Commissione promuove inoltre il coordinamento di tutte le attività relative alle norme alimentari intraprese da organizzazioni governative e non governative internazionali.
  • Viene fornita una chiara descrizione delle differenze tra i termini chiave, quali: punti di controllo critici (CCP), programmi operativi prerequisiti (OPRP) e programmi prerequisiti (PRP)
  • I piani HACCP e OPRP sono raggruppati in un piano di controllo dei pericoli con criteri di azione che devono essere definiti per gli OPRP identificati e limiti critici (come al solito) per i CCP
  • La convalida delle misure di controllo deve essere documentata ed eseguita prima dell’attuazione del piano HACCP
  • Sia per il sistema di tracciabilità sia per la preparazione e la risposta alle emergenze, vengono ora menzionati ulteriori dettagli su ciò che dovrebbe essere considerato, rispettivamente, nelle clausole 8.3 e 8.4.
  • Aiuti per l’elaborazione, l’imballaggio e le utilità devono essere aggiunti ai modelli di flusso di documenti richiesti
  • All’interno delle caratteristiche delle materie prime, degli ingredienti e degli imballaggi, la fonte di ciascun prodotto deve ora essere definita e documentata.
  • Vi sono altri aspetti che verranno discussi durante le riunioni di riesame della direzione, come le prestazioni di fornitori esterni (fornitori), la revisione dei rischi e delle opportunità e l’efficacia delle azioni intraprese per affrontarli, le opportunità di miglioramento continuo, l’adeguatezza delle risorse , eccetera.
  • Esiste anche una nuova clausola che include informazioni documentate obbligatorie e una valutazione dell’efficacia dei risultati del monitoraggio e della verifica delle misurazioni
  • Ci sono anche alcuni requisiti aggiuntivi che devono essere rivisti durante la revisione della gestione del sistema di gestione della sicurezza alimentare

Fonte: foodsafetystandard.WordPress.com

Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *