wapt image 1275 Intelligenza emotiva e leadership situazionale: come creare stili di leadership flessibili
Azienda | Redazionali

Intelligenza emotiva e leadership situazionale: come creare stili di leadership flessibili

Stili di leadership flessibili

I leader emotivamente intelligenti (EQ) sono flessibili nell’adattare il loro stile di leadership a coloro che scelgono di guidare. Influenzerai e coinvolgerai i dipendenti essendo socialmente esperto riguardo a quale stile di leadership sarebbe il più appropriato con determinate personalità e in situazioni specifiche.

Il modello di leadership Blanchard e Hersey

Come modello di leadership, l’esempio più noto è stato sviluppato da Ken Blanchard, il guru del management che in seguito divenne famoso per il suo Un minuto manager serie e Paul Hersey. Hanno creato un modello di leadership situazionale alla fine degli anni ’60 che consente di analizzare i bisogni della situazione, quindi adottare lo stile di leadership più appropriato. Il modello ha due concetti fondamentali; stile di leadership e livello di sviluppo.

Stili di leadership:

Blanchard e Hersey hanno caratterizzato lo stile di leadership in termini di quantità di direzione e supporto che il leader fornisce ai suoi seguaci. Hanno classificato tutti gli stili di leadership in quattro tipi di comportamento, che hanno chiamato da S1 a S4:

S1: Directing Leaders definiscono i ruoli e le mansioni del seguacee sorvegliarli da vicino. Le decisioni vengono prese dal leader e annunciate, quindi la comunicazione è in gran parte unidirezionale.

S2: I leader del coaching definiscono ancora ruoli e compiti, ma cercano idee e suggerimenti dal follower. Le decisioni restano prerogativa del leader, ma la comunicazione è molto più bidirezionale.

S3: i leader di supporto passano le decisioni quotidiane, come l’assegnazione dei compiti e i processi, al follower. Il leader facilita e prende parte alle decisioni, ma il controllo è con il follower.

S4: I leader delegati sono ancora coinvolti nelle decisioni e nella risoluzione dei problemi, ma il controllo è con il follower. Il follower decide quando e come sarà coinvolto il leader.

Nessuno stile è considerato ottimale o desiderato per tutti i leader. I leader efficaci devono essere flessibili e devono adattarsi a seconda della situazione. Tuttavia, ogni leader tende ad avere uno stile naturale e nell’applicare la Leadership Situazionale deve conoscere il proprio stile intrinseco.

Livelli di sviluppo:

Il giusto stile di leadership dipenderà dalla persona guidata, il seguace. Blanchard e Hersey hanno esteso il loro modello per includere il livello di sviluppo del follower. Hanno affermato che lo stile scelto dal leader dovrebbe essere basato sulla competenza e sull’impegno dei suoi seguaci. Hanno classificato il possibile sviluppo dei follower in quattro livelli, che hanno chiamato da D1 a D4:

D1: Bassa competenza, alto impegno – Generalmente mancano delle competenze specifiche richieste per il lavoro in questione, tuttavia, sono desiderosi di imparare e disposti a prendere la direzione.

D2: Alcune competenze, scarso impegno – Potrebbero avere alcune abilità rilevanti, ma non saranno in grado di svolgere il lavoro senza aiuto. Il compito o la situazione potrebbero essere nuovi per loro.

D3: Alta competenza, impegno variabile – Sono esperti e capaci, ma potrebbero non avere la fiducia necessaria per farlo da soli o la motivazione per farlo bene o rapidamente.

D4: Alta competenza, alto impegno – Hanno esperienza sul lavoro e si sentono a proprio agio con la propria capacità di farlo bene. Possono anche essere più abili del leader.

Anche i livelli di sviluppo sono situazionali. Potresti essere generalmente abile, fiducioso e motivato nel tuo lavoro, ma scenderai comunque al Livello D1 quando dovrai affrontare un compito che richiede abilità che non possiedi. Ad esempio, molti manager sono D4 quando si occupano della gestione quotidiana del proprio reparto, ma passano a D1 o D2 quando si tratta di una questione delicata dei dipendenti.

Corrispondenza per lo sviluppo della leadership:

Blanchard e Hersey indicano che lo stile di leadership (S1 – S4) del leader deve corrispondere al livello di sviluppo (D1 – D4) del follower. Inoltre, è il leader che deve adattarsi, non il seguace. Per ottenere il massimo dalla leadership situazionale, un leader dovrebbe essere formato su come operare efficacemente in vari stili di leadership e su come determinare il livello di sviluppo degli altri.

Quali sono le tue idee ed esperienze relative alla leadership situazionale? Tu e i leader della tua azienda potreste lavorare con un executive coach come parte di un programma di sviluppo della leadership basato sull’intelligenza emotiva.

Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *