wapt image 1237 Il tempo è denaro: non sprecarlo
Redazionali

Il tempo è denaro: non sprecarlo

“Se controlli il tuo tempo, controlli la tua vita” – Alan Lakein (1973)

Il tempo è denaro. Il tempo è un bene prezioso e tutti ne ricevono una quota uguale, ma lo usiamo in modo diverso. Anche società diverse hanno atteggiamenti diversi nei confronti dei tempi.

Una cosa sul tempo è che è sfuggente; non può essere cambiato, e una volta che è andato, è andato per sempre. Secondo un detto, “Il tempo e la marea non aspettano nessuno”. La nostra situazione e le nostre esigenze influenzano il nostro orientamento al tempo, ma il nostro orientamento al tempo (e le nostre esigenze) possono essere cambiati e questo dovrebbe portare a una vita più riuscita.

Vilfredo Pareto, un economista italiano dell’inizio del XX secolo, ha formulato quella che la maggior parte di noi chiama la regola degli anni ’80-20, tecnicamente nota come la ‘legge della maldistribuzione’. Questa regola afferma che “l’80 percento del nostro impegno viene speso in attività non necessarie e solo il 20 percento del nostro tempo viene speso in qualcosa di produttivo”. La domanda ora è: come possiamo dedicare l’80% del nostro tempo a qualcosa di produttivo e il 20% a qualcosa di improduttivo?

Per un uso più efficace del nostro tempo, vengono suggeriti i seguenti suggerimenti. Loro sono

non sequenziale, puoi decidere l’ordine.

Il primo è che devi fissare degli obiettivi. Un obiettivo dà la tua vita e il modo in cui te

dedica il tuo tempo significato e direzione. Devi decidere cosa vuoi dalla vita

e organizza il tuo tempo intorno ai tuoi obiettivi. Considera la tua vita in settori quali: finanza, carriera, spirituale, sociale, salute e comunità o cultura e sviluppa obiettivi più intelligenti per ciascuno. I tuoi obiettivi devono essere specifici, misurabili, realizzabili e realistici e devono essere limitati nel tempo. Devi anche valutare e rivedere regolarmente i tuoi obiettivi per verificare se stai andando nella giusta direzione o meno.

In secondo luogo, devi pianificare e organizzare. Usare il tempo per pensare e pianificare è tempo ben speso. Nessuno ha intenzione di fallire, ma molte persone non riescono a pianificare. Organizza e pianifica in un modo che abbia senso per te, altrimenti ti ritroverai ad affrontare i problemi quando si presentano invece di creare opportunità per evitare problemi e per fare progressi.

Terzo, devi mettere le prime cose al primo posto. Nel suo libro “Le sette abitudini di persone altamente efficaci”, Stephen R. Covey ha dedotto che: “l’unico denominatore condiviso da tutte le persone di successo non era il duro lavoro, la buona fortuna o una buona relazione umana, ma” mettere le cose al primo posto “”. Mettendo le prime cose al primo posto elimini l’urgenza e ti concentri su quelle importanti. I compiti urgenti hanno conseguenze a breve termine, mentre i compiti importanti sono quelli con implicazioni a lungo termine legate agli obiettivi. Impegnati per ridurre le cose urgenti che si presentano e avrai più tempo per le tue priorità importanti. Se le cose sono importanti, contribuiscono alla tua missione e ti aiutano a raggiungere i tuoi obiettivi.

Inoltre, per fare un uso efficace del tuo tempo devi fare bene le cose giuste. Il noto esperto di gestione, Peter Drucker, nel suo libro “The Effective Executive” (Harper & Row, 1966) ha affermato: “fare la cosa giusta è più importante che fare le cose giuste. Fare la cosa giusta è efficacia; fare le cose giuste è efficienza. Concentrati prima sull’efficacia (identificando qual è la cosa giusta da fare), poi concentrati sull’efficienza (farlo nel modo giusto) “.

Inoltre, devi mirare all’eccellenza e non alla perfezione. L’eccellenza è raggiungibile; la perfezione è sfuggente se non irraggiungibile. Credo che la ricerca della perfezione sia una perdita di tempo. Sì, alcune cose devono essere più vicine alla perfezione di altre; ma il perfezionismo: prestare un’attenzione non necessaria ai dettagli può essere un’altra forma di procrastinazione.

Inoltre, devi vincere la procrastinazione. Per essere un artista di punta ed essere in grado di fare buon uso del proprio tempo, è necessario vincere la procrastinazione. Non rimandare a domani quello che puoi fare oggi. Alan Lakein ha spiegato nel suo libro: “Come ottenere il controllo del tuo tempo e della tua vita” che “Molti di noi procrastinano di fronte a compiti lunghi, difficili o spiacevoli, anche se per noi sono piuttosto importanti. Una tecnica da provare in ordine conquistare la procrastinazione è il “metodo del formaggio svizzero”. Quando eviti qualcosa, suddividilo in compiti più piccoli e lavora sul grande compito per soli 15 minuti. Facendo un po ‘alla volta, alla fine raggiungerai un punto in cui vorrai finire. “

Sii pronto a dire “No”. Questa è una parola così piccola, ma così difficile da dire. Concentrarsi sui propri obiettivi può aiutare. Anche dedicare tempo a priorità importanti, ma spesso non programmate, come la famiglia e gli amici può essere d’aiuto. Ma prima devi essere convinto che tu e le tue priorità siete importanti – questa sembra essere la parte più difficile nell’imparare a dire “no”. Una volta convinti della loro importanza, dire “no” alle cose non importanti nella vita diventa più facile.

Inoltre, devi considerare quale momento della giornata ti si addice meglio. Ad esempio, mi piace leggere la sera e scrivere la mattina perché nel tardo pomeriggio sono esausto. Kathy Prochaska-Cue, una specialista in economia familiare di estensione ha affermato che: “Sapere quando è il tuo momento migliore e pianificare di utilizzare quell’ora del giorno per le tue priorità (se possibile) è una gestione efficace del tempo”.

Inoltre, per fare un uso efficace del tuo tempo devi avere una “To Do List”. Ho una “lista di cose da fare” quotidiana che faccio l’ultima cosa il giorno precedente o la prima cosa al mattino. Ho anche una “To Do List” settimanale, mensile e annuale. Puoi usare un diario o un calendario e potresti combinare i due. L’avvento di Personal Digital Assistant e Pocket Personal Computer ha reso la vita più facile. Prova qualsiasi metodo adatto a te. Avere una “lista di cose da fare” è essenziale per una gestione saggia del tempo.

Un altro suggerimento è che devi essere flessibile. Concedi tempo per interruzioni e distrazioni. Gli esperti di gestione del tempo suggeriscono spesso di pianificare per il 50% o meno del proprio tempo. Con solo il 50% del tempo pianificato, avrai la flessibilità di gestire le interruzioni di emergenze non pianificate. Risparmia (o crea) blocchi di tempo più lunghi per le tue priorità.

Infine, ricompensa te stesso. Anche per i successi minori, festeggia il raggiungimento di

obiettivi. Ogni volta che riesco a completare l’intero compito nella mia lista delle cose da fare oggi, sorrido e dico “grazie Signore”. Promettiti una ricompensa per aver completato ogni attività o per aver terminato un’intera attività. Mantieni la tua promessa e concediti la tua ricompensa. Potrebbe essere semplice come uno spuntino speciale dopo aver fatto certe cose. Ciò ti aiuterà a mantenere il necessario equilibrio nella vita tra lavoro e gioco. Come ha detto Ann McGee-Cooper nel suo libro: “Time Management for Unmanageable People” (Ann Mc-Cooper & Associates, 1983); “Se impariamo a bilanciare l’eccellenza nel lavoro con l’eccellenza nel gioco, nel divertimento e nel relax, le nostre vite diventeranno più felici, più sane e molto più creative”.

Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *