wapt image 1689 Autodisciplina Sfida 7: In che modo i grandi autogestiti influenzano gli altri - senza titolo o autorità
Azienda | Redazionali

Autodisciplina Sfida 7: In che modo i grandi autogestiti influenzano gli altri – senza titolo o autorità

Il mio cliente di executive coaching, Mei, aveva appena ricevuto una promozione ad alta visibilità. La sposterebbe dalla guida della funzione di vendita (con piena responsabilità in termini di profitti e perdite) all’acquisizione di un lavoro di vendita regionale responsabile di 11 paesi. Tuttavia, con questa nuova mossa, la responsabilità del P&L rimarrebbe agli 11 capi paese.

Il suo nuovo lavoro regionale significava che c’erano rapporti tratteggiati in ciascuno degli 11 paesi, ma lei non aveva alcuna autorità “diretta” su quei rapporti o sui capi dei paesi. In sostanza, Mei è passato da un incarico con piena autorità e titolo a una posizione senza alcun potere ufficiale. Non poteva più fare affidamento su un approccio “io sono il capo”.

Mei è venuta da me per fare da coach perché non aveva mai svolto un lavoro che le richiedesse di fare affidamento esclusivamente sulla sua capacità di influenzare gli altri; normalmente aveva fatto affidamento sull’autorità e sul titolo per portare a termine le cose. In quanto tale, ha sentito il bisogno di rafforzarla influenzare abilità – e rapidamente – se voleva avere successo. Data l’elevata visibilità della sua nuova posizione, per non parlare di quanto fosse fondamentale per la sua carriera, una cosa era chiara: il fallimento non era un’opzione.

La necessità di maggiori capacità di influenza è sempre più comune nel mondo a matrice di oggi. In effetti, a causa dell’appiattimento delle organizzazioni, molti dirigenti oggi non hanno il potere di posizione che avevano in passato.

A complicare ulteriormente le cose, nel mondo del lavoro globale di oggi, la necessità di influenzare accade spesso remoto, con meno contatti faccia a faccia rispetto al passato. Ciò significa che non abbiamo il vantaggio di leggere il linguaggio del corpo o usare le nostre espressioni facciali per convincere gli altri al nostro punto di vista. Spesso, dobbiamo parlare con persone in fusi orari diversi a tarda notte o la mattina presto, quando potremmo non operare con tutta l’energia richiesta.

Di conseguenza, l’influenza è una delle abilità più importanti dell’auto-leadership contemporanea, ed è per questo che è anche una delle questioni più comuni che vedo nella mia pratica di executive coaching.

Quanta influenza hanno i leader autonomi

Quando pensi a persone che hanno una grande influenza, ti viene in mente qualcuno nella tua organizzazione? Cosa fa questa persona per influenzare gli altri? L’influenza è basata esclusivamente sulla posizione e sul titolo, o è basata su un’abilità o una qualità come il calore e la simpatia?

Anche se la mia cliente, Mei, non era mai stata costretta a fare affidamento esclusivamente sull’influenza, le ho ricordato che aveva sicuramente influenzato i suoi colleghi e altri in diverse occasioni. Le ho chiesto di fare un elenco di modi in cui gli eccellenti autogestiti convincono, ricordando situazioni durante la sua carriera in cui lei stessa lo aveva fatto con successo, così come le volte in cui aveva osservato altri grandi leader costringere gli altri ad agire.

Ecco l’elenco di Mei:

  • “I grandi leader autonomi influenzano l’essere equi e obiettivi con gli altri. Alcuni dei miei colleghi hanno denunciato i capi che li hanno trattati ingiustamente a un certo punto della loro carriera. Questo rimane con te, e quando lavori con qualcuno che fa trattarti in modo equo, vuoi fare il bene a quella persona.
  • Grande influenza dei leader autonomi non avendo programmi nascosti. È importante essere trasparenti. Se le persone credono che sono onesto e schietto, saranno più propensi ad accettare ciò che ho da dire.
  • I grandi leader di sé influenzano i coetanei guadagnandosi il loro rispetto. Se i miei coetanei non mi rispettano, sarò meno propenso a conquistarli.
  • I grandi leader di sé influenzano meglio quando non sono attaccati a un risultato specifico. Sarò più influente se rimango flessibile e non insisto sul fatto che tutto deve essere fatto in un certo modo.
  • I grandi leader autonomi influenzano facendo ciò che è giusto per il team o l’organizzazione. Devo tenere a mente che non è personale; si tratta di fare ciò che è meglio per l’azienda.
  • La grande influenza dei leader autonomi ponendo domande potenti e aperte che non portano a semplici risposte “sì” o “no”. Questo tipo di domande incoraggia il dialogo, che a sua volta rafforza la fiducia.
  • I grandi leader autonomi influenzano l’essere inclusivi, indipendentemente da sesso, razza, etnia, età o tipo di corpo. Devo osservare qualsiasi tendenza verso pregiudizi inconsci e assicurarmi di non consentire alle etichette di avere un impatto negativo sui risultati.
  • I grandi leader di sé influenzano il fatto di non sopraffare gli altri con molti dettagli. Devo essere consapevole di quante informazioni le persone hanno effettivamente bisogno per vedere il mio punto di vista, e quindi non offrire nient’altro.
  • Grande influenza di autogestiti evitando drammi e problemi. Devo rimanere positivo ed evitare di lamentarmi o concentrarmi su cosa non è Lavorando.
  • Grande influenza di auto-leader essendo eccellenti ascoltatori. È più probabile che la mia influenza abbia successo se parlo con persone e ascolta attivamente, piuttosto che parlare a loro senza ascoltare “.

Armato di queste idee e dell’Influence Toolbox incluso nel mio libro, Leading YOU ™: Il potere della Self-Leadership per costruire il tuo marchio esecutivo e guidare il successo professionale, Mei si sentiva più sicura della sua nuova posizione e la sua trepidazione per accettare la sfida si trasformò in eccitazione.

Quali altri esempi hai visto usare i grandi autodisciplinari per influenzare con successo gli altri?

Similar Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *